Tecnosan è lieta di annunciare la sua partecipazione al simposio tecnico Site planning e standard di sicurezza negli utilizzi alternativi della RM: dall’esperienza nell’imaging diagnostico medico all’impatto delle nuove frontiere. Uso veterinario, ambito autoptico, neuromarketing, spettrometria per ricerca utilizzi industriali, che si terrà i giorni 27-28 settembre 2012 presso la sede del CNR in via Gobetti 101 a Bologna.

L’evento è organizzato da ANPEQ (Associazione Nazionale Professionale Esperti Qualificati in radioprotezione).

Cogliendo l’occasione della pubblicazione, da parte del “Settore per le verifiche autorizzative ed ispettive nelle radiazioni ionizzanti ed in risonanza magnetica” del Dipartimento Igiene dell’INAIL, dei primi documenti nazionali che si propongono quali Linee Guida per la gestione della sicurezza negli utilizzi alternativi dalla Risonanza Magnetica, l’Associazione Nazionale Professionale degli Esperti Qualificati (ANPEQ) intende promuovere un simposio di due giorni con finalità specificamente tecniche a giornata di studio dedicata a questo specifico.

Le prospettive di definizione di un quadro normativo specifico di riferimento, al quale non potrà non correlarsi la codifica di nuove figure professionali di esperti per la sicurezza che, pur mutuate dall’ambito medico, prevedranno evidentemente loro specifiche peculiarità, rendono quello proposto in questa occasione come uno scenario di sicuro interesse per gli esperti qualificati. L’esperto qualificato deve avere gli strumenti cognitivi per proporsi quale consulente globale in materia di sicurezza in quegli ambiti nei quali, in virtù delle proprie competenze, è stato fino ad oggi sollecitato solo per la gestione della radioprotezione, consentendo così lo sviluppo di strategie prevenzionistiche che, mentre in ambito medico vivono una realtà del tutto consolidata, negli scenari alternativi oggetto di questo simposio vanno delineate sulla base di un’esperienza che si sta costruendo proprio in questi mesi.

Le nuove frontiere nell’uso della risonanza magnetica saranno affrontate in modo sistematico ed approfondito partendo dal “modello sanitario” ormai ben noto, e proseguendo attraverso la proposta di schemi operativi oculatamente esportati dal medesimo, e in relazione ai quali gli esperti qualificati, se opportunamente formati, potranno recitare un ruolo di sicura operatività.